giovedì 16 aprile 2015

Come imparare il greco antico: alfabeto, pronuncia e vocabolario

Buongiorno a tutti quanti! Un post anomalo quello che mi accingo a scrivere me ne rendo conto. Questo post vuole essere una piccola giuda secondo quella che è la mia esperienza di studio della lingua greca. Quando mi sono deciso a studiarla in modo più serio mi sono trovato di fronte a non poche difficoltà, prima fra tutte il fatto che provengo da un liceo tecnico e sia il greco che il latino non hanno mai fatto parte del mio bagaglio culturale. Purtroppo. Secondo il dover fare i conti con un lingua flessiva e molto articolata. Nonostante questo non mi sono lasciato scoraggiare e con un approccio del tutto personale mi sono messo a studiare.

Ecco che adesso vorrei poter scrivere qualche riga e dare qualche consiglio su quale siano i metodi migliori a coloro che si avvicinano per la prima volta a questa lingua così ricca di sfumature.

L'alfabeto


Il primissimo passo da compiere per l'apprendimento del greco antico è senza dubbio conoscere l'alfabeto. Come si può notare molte delle lettere, specie quelle in maiuscolo, sono uguali a quelle della lingua italiana e sono quindi più facili da memorizzare.
Il consiglio:
  • Si memorizza meglio riscrivendo l'alfabeto più di una volta. Io ho riempito qualche pagina di quaderno per prendere confidenza con i vari simboli.
  • Iniziare memorizzando le lettere maiuscole e poi quelle minuscole, che poi sono quelle usate più di frequente.
  • L'apprendimento è facilitato dal fatto che molti di questi simboli sono usati spesso anche nelle formule algebriche o fisiche (es. Pi greco, lambda, alfa, beta...).
  • Suggerisco di raggruppare i simboli di zeta, theta, xi, psi, chi, phi e mandarli a memoria dopo aver memorizzato il resto. Sono simboli che esulano dalla nostra sfera e hanno una pronuncia più particolare.
  • Molti utilizzano inizialmente l'alfabeto greco scrivendo parole italiane, io lo sconsiglio vivamente, primo perchè è bene utilizzarle nel giusto modo, secondo perchè ha poco senso scrivere caratteri in greco che hanno un significato completamente differente.
  • La sintassi greca è molto diversa dall'italiano, prima entriamo in quest'ordine di idee più agevole sarà il nostro studio successivamente.

La pronuncia

Mandando a memoria l'alfabeto e riconoscendo le singole lettere anche per come sono scritte per esteso abbiamo, senza volerlo e in maniera del tutto naturale, appreso anche quale sia la pronuncia delle singole lettere. La prima lettera con cui comincia il nome di uno dei simboli greci è come si pronuncia quel simbolo all'interno di una parola:
Es. Alfa si pronuncia "a", upsilon di pronuncia "u", epsilon si pronuncia "e" e via dicendo.

Fanno eccezione i caratteri che ho menzionato prima:
Theta si pronuncia "th" come in inglese.
Xi si pronuncia "csi".
Phi si pronuncia "fi".
Chi si pronuncia "ch" aspirata.
Psi si pronuncia "ps".

Vocabolario: quale scegliere?

Coloro che volessero avere un supporto lessicale per apprendere la lingua e volesse scegliere un vocabolario consiglio quanto segue:

Vocabolario Zanichelli

Questo dizionario solitamente viene consigliato ai ragazzi che cominciano lo studio del greco antico al liceo. Si tratta di uno strumento di lavoro creato apposta per facilitare la ricerca dei lemmi. Scritto e stampato in modo da evidenziare le parole di interesse e dare una semplice e immediata spiegazione senza fronzoli.
Adatto per una ricerca veloce e un aiuto per tutti coloro che studiano da poco la lingua classica o si accingono a farlo da autodidatti.


Vocabolario Rocci

Questo vocabolario è di un altro livello. Oltre ad avere uno spessore (e una pesantezza) differente ha pure un contenuto diverso. Questo volume contiene parecchi più lemmi rispetto a quello della Zanichelli, ma se da una parte più risultare di più difficile consultazione a causa dei suoi caratteri microscopici, dall'altra presenta una più ampia chiarificazione dei significati etimologici e quindi più preciso. Tra i due io sceglierei questo, è costoso, ma ne vale davvero la pena.





Tuttavia essendo il greco una lingua che non è possibile studiare senza un tavolino di fronte, ci sono pure persone che, come me, all'inizio si sono arrangiate con un piccolo dizionarietto tascabile. Molto più leggero e abbordabile dei fratelli colossi.

2 commenti:

  1. Grazie per i consigli, ma sulla sintassi greca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho in mente qualche nuovo post a breve.
      Grazie a te della visita.

      Elimina